Al di là del bene e del mare

Posted on

Al di là del bene e del mare

L’idea di un progetto poetico/musicale sull’immigrazione era nella testa di Antonio D’Ambrosio da un bel po’ di tempo. Sullo stesso modello ha realizzato due opere, “Sempre nuova è l’alba” omaggio in musica a Rocco Scotellaro, e “Mosto” vino in versi di Jazz. Con questo nuovo progetto, AL DI LA’ DEL BENE E DEL MARE, vuole esprimere la sua solidarietà e vicinanza, attraverso la sua musica, a tutti i popoli migranti. Nella terra dove vive, la Puglia, non mancano di certo gli stimoli per trattare questo argomento visti gli sbarchi di migranti provenienti, prevalentemente dall’altra sponda del mediterraneo, quasi quotidianamente.

Nell’era del benessere, se pure attraversata da una crisi profonda, è difficile immaginare popoli ancora più disperati alle prese con la fame e gli stenti in cerca di un luogo migliore di quello che hanno lasciato per poter continuare la loro esistenza, eppure questo fenomeno è in continua crescita e ciò significa che qualcosa nella società, e più in generale nel mondo, non funziona. Siamo di fronte ad una ingiustizia sociale che si perpetua da decenni e non sembra avere soluzione.

Achille Succi, Sax alto / Clarinetto basso
Connie Valentini, Voce cantante / recitante
Bechir Mussaoui, Voce recitante
Giuseppe Amatulli, Violino
Silvia Grasso, Violino
Domenico Mastro, Viola
Antonia Chillà, Violoncello
Carlo Cimino, Contrabbasso
Massimo Garritano, Chitarra acustica
Antonio Dambrosio, Ideazione / Composizione / Arrangiamenti / Percussioni